Resiliens

Oltre il BIOlogico: i vini RESILIENS, i vini del FUTURO dell’azienda agricola Le Carline di Piccinin Daniele

L’azienda agricola Le Carline, si occupa di viticoltura biologica sin dall’inizio della sua avventura nel mondo del vino, che risale a quasi 30 anni fa, e questa filosofia produttiva, e di vita, ha fatto sì che da sempre Le Carline è sinonimo di vini certificati biologici, vegani e senza solfiti aggiunti.

È proprio per questo motivo che Le Carline ha aderito con entusiasmo al progetto della Regione Veneto, messo in pratica dall’Agenzia veneta per l’innovazione nel settore primario, che si prefigge di studiare il comportamento agronomico ed enologico nel territorio veneto dei più recenti vitigni resistenti.

Ora è arrivato il momento di fare un ulteriore passo in avanti nel campo della sperimentazione e della ricerca, un passo in avanti che ci porterà oltre il Biologico.

Vi presentiamo infatti questa nuova linea di vini, che si chiama RESILIENS.
Questo nome racchiude in sé un significato molto profondo e la natura stessa di questi vini che hanno fatto della resilienza il proprio carattere distintivo: nascono infatti da uve capaci di resistere alle avversità, ottenute dopo diversi incroci tra vitigni del Nord Europa, che hanno dimostrato le migliori caratteristiche di resistenza alle malattie fungine e tra vitigni antichi presenti da sempre nel nostro territorio, che permettono di mantenere le caratteristiche tipiche e varietali autoctone.

“Grazie alle varietà resistenti – afferma Daniele Piccinin – abbiamo creato vigneti che oltre all’alto livello qualitativo, consentono anche un’elevata sostenibilità ambientale, tema da sempre al centro della nostra missione aziendale. Questi vitigni infatti sono resistenti principalmente alla peronospora e all’oidio, le due malattie della vite più temute dai viticoltori e necessitano quindi solo di pochi trattamenti”.

Il nostro obiettivo era quello di far incontrare in vigna e in cantina la tradizione con la scienza e l’innovazione:
I nostri vini RESILIENS sono il frutto di questo successo.

Le ultime news - Vedi tutte

Dal 31 maggio al 3 giugno si è svolto il concorso enologico internazionale organizzato dall’Associazione Nazionale Città del Vino, all’Enoteca Regionale di Canelli (Asti), cittadina patrimonio Unesco per la sua incredibile rete di cantine sotterranee.

Come sempre l’evento di Cantine Aperte regala ai visitatori l’opportunità di assaggiare i nostri vini biologici e vegani, immersi nell’atmosfera della cantina, in un rilassato e festoso clima domenicale per trascorrere una piacevole giornata! Dovrete solo munirvi di sacca e bicchiere all’ingresso (contributo di €…